Legacy

ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele, pur assicurando il massimo impegno al fine di garantire la correttezza e la completezza delle informazioni fornite attraverso questo sito Web, non si assume alcuna responsabilità in ordine ad eventuali errori inesattezze ed omissioni.

Di conseguenza ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele non si assume la responsabilità per danni di qualsiasi natura che possano eventualmente derivare dall’accesso al suddetto sito web e dall’utilizzo delle informazioni da esso fornite.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza periodicità predefinita, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all’art. 1, c. III, L. 62/2001.

×

Privacy

Tutti i dati contenuti in questo sito sono trattati ai sensi dell'art.13 del D.Lgs. n° 196/2003 del Codice in materia di protezione dei dati personali.

A coloro che interagiscono con i servizi Web di ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele, accessibili per via telematica a partire dall'indirizzo:

http://www.assomela.it

sono invitati a rispettare la legge sul trattamento dei dati.

ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele precisa che tutti i dati sono solo per uso consultivo e ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele opererà nelle dovute sedi qualora se ne facesse uso illecito o non autorizzato.

×

Credits

Progetto Grafico Creazione Sito

ideazione grafica, progetto coordinato, html, animazioni js, implementazioni php e ottimizzazione per motori di ricerca

MAURO MAZZETTO

www.mauromazzetto.it

×

NEWS

Il gruppo misto Italia Francia Spagna a Madrid
Venerdì 29 June 2018 12:23 pm     Article Hits:732     A+ | a-

Oltre a riassumere le posizioni emerse durante i gruppi di contatto per fragole, pomodori, mele e pere, aglio, agrumi e pesche e nettarine, tenutisi negli scorsi mesi, l’occasione è stata utile per discutere delle potenziali conseguenze della Brexit sul settore ortofrutticolo europeo, della riforma della PAC, con focus sull’OCM ortofrutta, delle questioni fitosanitarie, nonché di quelle relative all’export e all’import di ortofrutticoli.

Per la prima volta era presente all’incontro, come invitata, anche una rappresentante del Ministero dell’Agricoltura del Portogallo, che ha volutamente chiesto di prendere parte ai prossimi gruppi di contatto, importante opportunità di confronto tra i principali Paesi produttori del sud dell’Europa.

Per l’Italia, il Mipaaf era rappresentato da Vincenzo De Martino Rosaroll, dirigente presso la direzione generale delle politiche internazionali dell’Unione europea per l’ortofrutta e l’olio d’oliva.

Per gli stakeholders erano presenti Simona Rubbi, del CSO Italy, Elena Albertini e Giulia Montanaro, in rappresentanza dell’Alleanza delle cooperative italiane-agroalimentare e Anna Rufolo di CIA che hanno rimarcato l’apprezzamento sulle recenti proposte della commissione sull’OCM, la necessità di apertura di nuovi mercati e di garanzia di reciprocità nell’import/export – tema attualmente in discussione a Bruxelles attraverso i regolamenti di attuazione del reg. 2031/2016 e che necessita di un maggiore confronto tra istituzioni e operatori – e la necessità di lavorare congiuntamente tra i tre Paesi sul tema degli usi eccezionali, estensione d’uso e mutuo riconoscimento per garantire una efficace difesa delle colture con i mezzi a disposizione.