Legacy

ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele, pur assicurando il massimo impegno al fine di garantire la correttezza e la completezza delle informazioni fornite attraverso questo sito Web, non si assume alcuna responsabilità in ordine ad eventuali errori inesattezze ed omissioni.

Di conseguenza ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele non si assume la responsabilità per danni di qualsiasi natura che possano eventualmente derivare dall’accesso al suddetto sito web e dall’utilizzo delle informazioni da esso fornite.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza periodicità predefinita, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all’art. 1, c. III, L. 62/2001.

×

Privacy

Tutti i dati contenuti in questo sito sono trattati ai sensi dell'art.13 del D.Lgs. n° 196/2003 del Codice in materia di protezione dei dati personali.

A coloro che interagiscono con i servizi Web di ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele, accessibili per via telematica a partire dall'indirizzo:

http://www.assomela.it

sono invitati a rispettare la legge sul trattamento dei dati.

ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele precisa che tutti i dati sono solo per uso consultivo e ASSOMELA - Associazione Italiana Produttori di mele opererà nelle dovute sedi qualora se ne facesse uso illecito o non autorizzato.

×

Credits

Progetto Grafico Creazione Sito

ideazione grafica, progetto coordinato, html, animazioni js, implementazioni php e ottimizzazione per motori di ricerca

MAURO MAZZETTO

www.mauromazzetto.it

×

NEWS

Freshfel: i consumi di frutta e verdura restano ancora sotto la soglia dell'Oms
Lunedì 11 February 2019 6:48 am     Article Hits:1132     A+ | a-

Il settore ortofrutticolo europeo deve rafforzare le azioni di promozione atte a incrementare il consumo di frutta e verdura, dal momento che in Europa i livelli di assunzione giornaliera di questi prodotti rimangono al di sotto dei 400 grammi raccomandati dall'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms). E' questo il messaggio che Freshfel Europe, l'Associazione europea che rappresenta gli interessi della filiera ortofrutticola, ha voluto esprimere in occasione di Fruit Logistica.  
"Il nostro settore - ha spiegato Freshfel - sta affrontando una fase turbolenta. Da un lato, gli ultimi due anni si possono ricordare per gli eventi climatici estremi che hanno avuto un impatto su domanda, offerta e qualità dei prodotti e hanno provocato un mercato instabile in molte regioni. Dall'altro lato, le continueincertezze economico-politiche (Brexit, embargo russo, ecc.) offuscano qualsiasi tipo di trasparenza", ha aggiunto l'Associazione per evidenziare che "l'ondata protezionistica mondiale sta contribuendo ad alimentare un ambiente di mercato imprevedibile e sempre più complesso da interpretare per le imprese".

Oggi più che mai, secondo Freshfel, gli operatori del settore non dovrebbero però lasciarsi condizionare in negativo dall'attuale periodo di incertezza. Ma continuare a investire per stimolare i consumi in tutta Europa.
A questo proposito, nel 2018 Freshfel ha guidato una rete tematica della Commissione europea, creando una dichiarazione congiunta con 43 raccomandazioni politiche su come poter incentivare i consumi degli europei. In questi primi mesi del 2019, inoltre, ha avviato assieme all'Aprifel (Agence fruits et légumes frais) il programma triennale di promozione "FV for a Healthy Eu", finanziato dalla stessa Commissione Ue, che si focalizza sulle persone con età compresa tra 18 e 30 anni, uno dei segmenti che registra i più bassi livelli di consumo di ortofrutta.